archive 2010

 
'WORLD PEACE AWARD' per Roberto Baggio
Il divin codino è stato incoronato dai premi Nobel per il suo contributo ai bisognosi


09/11/2010 - L'ex calciatore azzurro, Roberto Baggio, il più amato dagli italiani (e non solo), ha ricevuto il prestigiosissimo premio per il suo apporto alle organizzazioni di beneficenza in tutto il mondo. Quello che gli è stato consegnato è un riconoscimento importante, il "Peace Summit Award 2010", premio che anno dopo anno viene assegnato da tutti i Nobel per la pace alla personalità che più si è impegnata verso i più bisognosi.
Baggio, che ha ottenuto il Pallone d'oro nel 1993, oggi a 43 anni è presidente del settore tecnico della Federcalcio, e questa domenica verrà premiato ad Hiroshima, in Giappone.
Il merito di Roby è quello di aver contribuito ad organizzazioni di beneficenza in tutto il mondo, oltre ai finanziamenti agli ospedali, per il terremoto di Haiti, per il suo impegno per la libertà del premio Nobel birmano Aung San Suu Kyi e altre battaglie di solidarietà e per la difesa dei diritti umani.
Prima di lui, molte altre personalità famose sono state premiate; i musicisti inglesi Peter Gabriel e Bono Vox, e attori italiani e stranieri come George Clooney e Roberto Benigni.
Non sarà riuscito ad alzare la coppa del mondo nella famosa finale dei Mondiali del 1994 in America, ma ricevere un premio da parte di tutti i nobel, sarà sicuramente una soddisfazione enorme per lui...l'indimenticabile codino!

- la Repubblica -

 

 
Baggio, Trap mi fece torto a non portarmi ai Mondiali 2002

09/11/2010 - MILANO - C'e' un torto che non riesce a mandare giu'. Roberto Baggio, fresco vincitore del World Peace Award che gli verra' consegnato venerdi' a Hiroshima, in un'intervista a 'Vanity Fair', torna indietro nel tempo e confessa di non avere ancora digerito l'esclusione dal Mondiale del 2002. "Sarebbe stato il quarto e io dovevo esserci. Era giusto, era sacrosanto. Per la carriera che avevo avuto ne avevo diritto. Mi dovevano portare, darmi quell'occasione...
Anche se fossi stato in carrozzella mi dovevano portare. E poi avevano appena allargato la rosa dei convocati a ventitre'. E l'avevano fatto perche' potessimo partecipare anche io e Ronaldo che venivamo da infortuni e potevamo essere un rischio.
Un uomo in piu', che problema c'era? Invece Ronaldo ando', risorse e vinse. Io, a casa". Il codino e' tornato, l'estate scorsa Roberto Baggio ha accettato l'incarico di responsabile del settore tecnico della Figc. Hai deciso tu di smettere? "Si'". Ti e' costato? "Da morire. Io avrei voluto giocare e vorrei giocare ancora - confessa in una lunga intervista a Vanity Fair in edicola domani -. Se non avessi avuto quel ginocchio sarebbe stato diverso, forse sarebbe stato possibile, ma abbiamo una sola storia, va in un solo modo. E come posso non accettarla? Io avevo un sogno: giocare la finale dei Mondiali contro il Brasile (Stati Uniti 1994, ndr)". Hanno detto che non era in condizione e ha voluto esserci lo stesso "Ho giocato centoventi minuti, mi sembra la risposta. Ero a pezzi, ma lo eravamo tutti. I brasiliani erano gia' li' da un pezzo, abituati, rilassati". Eppure non hanno vinto tre a zero.
"Magari". In che senso? "Se perdi tre a zero te ne fai una ragione. E' meglio per tutti: per chi vince e per chi perde.
Vallo a chiedere a chiunque, anche a quelli di Berlino, certo che sono contenti, ma se avessero vinto senza rigori, di piu'.
E se perdi ai rigori ci stai proprio male. Io ho perso tre Mondiali, tutti ai rigori: Italia '90 senza perdere una partita, tutte vittorie e un pareggio, Usa '94 con quel rigore sopra la traversa, Francia '98 contro la Francia che poi divento' campione e avevo pure segnato il rigore: se permetti, mi girano i coglioni". Baggio spiega perche' ha accettato la proposta della Federazione: "Ho accettato per amore, non prendo un euro, se mi accorgessi che non ho niente da fare, come sono venuto me ne andrei. Nessun problema, sono gia' scomparso una volta. E non ho provato dolore".

- AGI News On -

 

 
Roberto Baggio è il nuovo responsabile del settore tecnico della Federcalcio

02/08/2010 - Il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha offerto a Roberto Baggio il ruolo di responsabile del settore tecnico della Federcalcio. Baggio, si apprende dalla Figc, ha incontrato il massimo dirigente federale oggi nella sede romana di Via Allegri. Il faccia a faccia, durato circa un'ora e mezza, ha portato ad un accordo che ora dovrà essere ratificato dal consiglio federale.
«Quello di Roberto Baggio al settore tecnico sarà un ruolo attivo e operativo: non sarà un uomo immagine», ha detto il presidente dell'Assoallenatori, Renzo Ulivieri, dopo l'incontro in federcalcio con l'ex campione azzurro. La riunione, alla quale erano presenti il presidente Abete e Ulivieri (ma non il dg Valentini) è durata due ore ed è servita, secondo quanto riferito dal presidente dell'Aiac, ad illustrare a Baggio il ruolo che dovrà ricoprire: «Il suo lavoro sarà impegnativo e faticoso, avrà potere su tutto quello che riguarda il settore tecnico ma chiaramente non influirà sulla gestione delle nazionali».
Il Settore Tecnico, secondo la descrizione della Figc, «svolge funzioni di istruzione, formazione, abilitazione, inquadramento ed aggiornamento dei tecnici autorizzati a prestare attività nell'ambito dell'organizzazione federale». La struttura, che ha sede a Coverciano (Firenze), inoltre «organizza corsi a carattere didattico-divulgativo per giovani calciatori, effettua studi e ricerche attraverso un'apposita struttura e coordina l'attività medica nell'ambito della Figc oltre ad essere luogo di ritiro abituale delle squadre nazionali e delle varie rappresentative». In particolare, «il compito del Settore Tecnico è quello di fornire ad ogni squadra, sia del settore professionistico che del settore dilettantistico, allenatori preparati a svolgere il delicato compito di guidare tecnicamente una compagine calcistica».
Baggio, ex stella di Fiorentina, Juventus, Milan, Inter e Brescia, non ha mai allenato alcuna squadra ma attualmente segue il corso da allenatore presso la medesima struttura di Coverciano. L'ex numero 10 della nazionale, indimenticato eroe delle 'Notti Magiche' di Italia '90 con Totò Schillaci, dopo il ritiro dall'attività di calciatore si era trasferito nel suo podere vicentino allontanandosi dal mondo del calcio.

- Il Sole 24 ORE -

 

 
Baggio studia da allenatore. Il Divin Codino, che sta seguendo il corso di Coverciano per diventare tecnico di base, ha seguito la prima lezione. Per lui nessun privilegio, qualche autografo e tanta umiltà.

20/07/2010 - COVERCIANO (Firenze) - Si è presentato puntuale alle 8 di stamani per assistere al primo allenamento, poi alle 10,30 si è spostato in Aula Magna per seguire la prima lezione su tecnica calcistica dell'allenatore Biagio Savarese che ha aperto ufficialmente il tradizionale ritiro per i giocatori senza contratto organizzato dall'Aic, il sindacato calciatori.
A LEZIONE - È cominciato così per Roberto Baggio il ritorno al calcio dopo 6 anni, in campo e dietro i banchi, in mezzo a colleghi assai meno famosi e meno fortunati (in tutto 66), un'esperienza che lo porterà il 6 agosto a conseguire il patentino per allenatore di base. "È un onore averlo qui con noi - ha commentato Nicola Bosio, responsabile delle relazioni esterne dell'Aic - la sua presenza fa piacere a tutti i partecipanti al ritiro. Di qualcuno è stato avversario, con altri ha giocato assieme come il portiere Aldegani ai tempi del Milan. Ma per la maggioranza di chi è qui però Roberto è il campione che ha fatto sognare".
Roberto Baggio sul campo di Coverciano. Ansa NESSUN PRIVILEGIO - L'ex Pallone d'oro non ha voluto alcun privilegio (ha pagato anche la quota di 200 euro per partecipare al ritiro): avrebbe potuto alloggiare in un hotel fuori Coverciano o da suo fratello che vive a Firenze, invece ha scelto di stare nell'albergo del Centro tecnico federale insieme a tutti gli altri e dividere con loro l'intera giornata, fra campo (anche se per i suoi noti problemi fisici non si allena, al massimo un po' di corsa e qualche esercizio, nè parteciperà alle amichevoli: anzi nell'occasione ne approfitterà per stare con la famiglia), lezioni di tecnica calcistica e metodologia d'allenamento (tre al giorno, anche dopo cena) e spogliatoio. Un programma insomma fitto e impegnativo. Al suo arrivo Baggio è stato circondato dagli ex colleghi che gli hanno chiesto un autografo o di farsi fotografare assieme e a tutti ha mostrato la massima disponibilità. Niente dichiarazioni ufficiali invece ai media: per quelle ci sarà tempo, ha fatto sapere, anche perchè sul suo futuro incarico di presidente del Settore Tecnico della Figc nulla è stato ancora deciso, bisognerà attendere l'incontro con il presidente federale Giancarlo Abete previsto tra fine mese e i primi di agosto. Così adesso l'ex campione di Caldogno ha scelto di concentrarsi insieme ai senza contratto unicamente su queste tre settimane di ritiro a Coverciano, laddove in passato tante volte è stato con la Nazionale.

- Gasport -

 

Archives: 2010 - 2011 - 2012 - 2013

 

COPYRIGHT© 2000/2018 - www.robertobaggio.org